Attenzione, questo sito è una versione più leggera del sito originale. Per vedere il sito originale, si prega di installare l'ultima versione di Flash Player.
<< indietro

    Casa Aentscherz Bergmann

    2011
    Tschugg

    Nel 1970 l'ospedale “Insel” di Berna fa costruire, al posto di un vecchio edificio, un grande rustico immerso nelle vigne e nei giardini. Sarebbe servito come fattoria, per ospitare il personale occupato nella vendemmia e, probabilmente, come residenza estiva dei proprietari. La costruzione è solida e di pregio: un edificio intonacato, costruito con pietre calcaree provenienti dalla regione ma eccezionalmente grandi, in uno stile classico e modesto tipico dell’architettura rurale, con forme chiare e dettagli curati.

    La casa è rimasta inabitata durante tutto il secolo scorso. Gli ultimi proprietari l'hanno solo utilizzata come magazzino. Il tetto è stato controllato e mantenuto nel suo stato originale; in questo modo la struttura portante si è conservata intatta. La sostanza della struttura portante in pietra calcarea, della facciata cosi come dei muri interni, si è fortemente erosa in differenti punti, mostrando delle fessurazioni crescenti.

    Le finestre, i solai e quasi tutti gli elementi costruttivi leggeri sono scomparsi negli anni.

     

    Con la rinnovazione dall'ottobre 2010 al novembre 2011, l'edificio è stato salvato dalla rovina. Dopo i lavori di stabilizzazione e di rinnovazione della sostanza strutturale, si è passati al recupero della facciata e del tetto. Con il sostegno della protezione dei monumenti storici del cantone, si è potuto utilizzare durante recupero le antiche tecniche costruttive; malta di calce a caldo per le parti in muratura e gli intonaci sia interni sia esterni, legno massiccio, decori all'antica grazie ai fondi offerti dalla protezione del patrimonio storico. Nonostante gli elementi architettonici nuovi siano stati concepiti in un linguaggio contemporaneo, la conservazione della consistenza storica protetta ha rappresentato la vera sfida del progetto.

     All'interno, le separazioni originali dell'antica abitazione (lato sud) sono state totalmente ricostruite; la parte a nord, come pure il sotto tetto (non riscaldato) è stato recuperato interamente. L'unica estensione rispetto al perimetro esistente è stata concepita tenendo in conto del magazzino esistente sul lato ovest, dove è stato possibile aprire grandi superfici vetrate a tutta altezza. Come sul volume principale, si è scelto di conservare l'involucro del tetto non isolato, lasciando lo spazio tra tetto e ultimo solaio freddo. Il nuovo volume, costruttivamente autonomo, sotto la copertura e il sottotetto, è invece riscaldato e isolato. Delle lamelle di legno amovibili (scorrevoli a sud e orientabili a nord) costituiscono un filtro che regola la vista e la luce.

     

    Solamente due aperture sono state create nella muratura esistente, due porte sono state allargate. Per quello che riguarda la costruzione di legno, le travi esistenti sono state rimpiazzate ma il loro materiale e stato riutilizzato per le sistemazioni interne. No e stato utilizzato nessun materiale incollato, alcun intonaco, rivestimento o prodotto di trattamento del legno ha contenuto elementi sintetici. Solai di legno di abete, melo, pero, e quercia massicci di 3-4 cm di spessore, non trattati. Trattamenti superficiali delle murature in calcare naturale. Isolamento termico con isofloc, spessore 20-26 cm, in fiocchi di carta riciclata e lana minerale.

     

    La nuova pavimentazione della cucina è costituita da una gettata di calce e coccio pesto (10cm, con riscaldamento a pavimento), posato su un letto di misapor (vetro cellulare), trattata a l'olio di lino. Finestre di legno di quercia massiccio non trattato. Cucina con piano di lavoro in quercia massiccia spessore 8 cm. Riscaldamento centralizzato con stufa a legna, alimentata da un impianto termico solare.

    Scelti in accordo con lo spirito dell’edificio, i materiali e le tecniche di costruzione hanno permesso di conservare in gran parte l'anima della casa e hanno inoltre contribuito a un risparmio economico effettivo. 

     

    Client:Franziska Bergmann und Peter Bergmann / Project: 06. 2010-10.2010 / Construction:10.2010-10.2011 / Volume: 2'750 m3/ Surface: 420 m2 (SIA 416) / Lot: 2'500 m2 / Address: CH-3233 Tschugg, Canton Bern

    Fotos: Yves André